Site Overlay

NEI GAS RAREFATTI SCARICA

I fenomeni che determinano la ionizzazione di un gas in un tubo furono studiati dal fisico inglese John Sealy Townsend intorno al Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later. La condizione iniziale è che gli elettroni abbiano un’energia cinetica maggiore del potenziale di ionizzazione dell’elemento usato per la scarica. Sappiamo da quanto visto prima che la caduta di tensione nello strato catodico ampio d è una gran parte della caduta di tensione nell’intero tubo V C , normalmente circa la metà: Be the first to like this. See our User Agreement and Privacy Policy.

Nome: nei gas rarefatti
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 46.34 MBytes

Quest’ultima equazione ci permette di sostituire l’ampiezza dello strato catodico d con la densità di corrente al catodo j 0 nell’espressione per le curve di Paschen. Qui di seguito tratteremo in dettaglio questi tre principali regimi della scarica gassosa rettilinea. Se viene applicata tensione agli elettrodi, gli elettroni cominciano ad essere emessi dall’elettrodo negativo catodoinizialmente per fotoemissione. Embeds 0 No embeds. Disambiguazione — Se stai cercando il fenomeno della ionizzazione in chimica, vedi Ionizzazione.

Aumentando ancora la rarefazione come al n.

nei gas rarefatti

La corrente raggiunta è detta corrente di saturazioneed è chiamata I 0. Inoltre, esso obbedirà alla legge di Saha per la ionizzazione della specie di gas contenuta nel tubo:.

Le scariche gassose in un tubo rettilineo in vetro o quarzo furono le prime ad essere studiate, alla fine dell’Ottocento: Lo schema dell’apparato è molto semplice, e consta di tre elementi:. La condizione iniziale è che gli elettroni abbiano un’energia cinetica maggiore del potenziale di ionizzazione dell’elemento rareefatti per la scarica.

Tuttavia, uno degli aspetti principali delle scariche nei gas è che esse possono assumere una varietà enorme di differenti forme per effetto della grande varietà di parametri in gioco, come la natura del gas, il modo in cui la tensione viene applicata, e la natura delle condizioni al contorno materiale e dimensioni degli elettrodipresenza di punte, natura delle superfici esposte, distanza fra gli elettrodi, forma e dimensione del tubo di scarica Fisica del plasma Ionizzazione Conduzione elettrica.

  SCARICA MUSICA SU PENDRIVE

Se invece si tiene costante la distanza degli elettrodial diminuire della pressione diminuisce in principio la differenza di potenziale occorrente per la scaricaraggiunge un valore minimo per una pressione detta pressione criticae poi torna ad aumentare.

Menu di navigazione

Quando invece il catodo ha la forma di punta o un filoil campo elettrico è più intenso in prossimità della punta stessa, per il noto potere disperdente delle punte. Unendo le due relazioni scritte si ottiene:. Alcuni di questi tipi di scariche sono stati studiati per esempio, i fulminima le scariche che avvengono perlopiù casualmente fra due superfici isolanti, come avviene comunemente in xerografiao negli ancor più comuni corto circuiti nei circuiti elettricihanno ricevuto comparativamente minor attenzione.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo ; possono applicarsi condizioni ulteriori.

Passaggio dell’elettricità nei gas

Questo non esclude poi che ci sia un’ampia classe di scariche nei gas che avvengono in situazioni in cui una tensione si sviluppa spontaneamente e quindi non è indotta da un circuito esterno per attritoscambio caricanebbieventiondesprayeccetera. Qui di rwrefatti tratteremo in dettaglio questi tre principali regimi della scarica gassosa rettilinea.

Nella transizione da glow ad arco tratto I – J della curva caratteristica gioca invece un ruolo essenziale l’ emissione termoionica dal catodo: Gallo, Coronas and Gas Discharges in Electrophotography: Be the first to like this.

Questa proprietà della parte iniziale della curva caratteristica di un tubo di scarica viene utilizzata per esempio nei contatori Geiger: Essa va perdendo il carattere di un tratto sottilebiancastro ; ma si va sempre più ingrossandofino a invadere un grande volume compreso tra gli elettrodicon delle colorazioni violacee. Poiché molte delle applicazioni degli archi saldaturetorcia al plasmataglio al plasmaetc.

  SCARICARE CARTE BRISCOLA

Ionizzazione dei gas

I tratti A-D fanno parte della cosiddetta “scarica oscura”: Questo produce un effetto a valanga, noto come scarica a valangao di Townsend tratto B – C della curva caratteristica.

In riferimento alla curva caratteristica, la scarica a corona si situa in una zona instabile fra la scarica auto-sostenuta di Townsend e la glow, nel tratto D-E della curva stessa: La necessità di tenere il tubo in vuoto nasce dal fatto che, come vedremo, è più facile ionizzare un gas a bassa pressione: Show related SlideShares at end. Risulta poi dalla legge di Paschen una conseguenza importante.

E poichè al di sotto della pressione critica un aumento della pressione producecome si è dettouna facilitazione nel passaggio della scaricalo stesso effetto si otterrà aumentando la distanza ; raarefatti ha allora questo fenomeno paradossaleche cioè la scarica passa più facilmentenello stesso ambienteallontanando gli elettrodi. L’esposizione fin qui fatta della scarica a bagliore gass dell’innesco presuppone la presenza di elettrodi piani o cilindrici.

Le espressioni finora fornite sono tuttavia abbastanza implicite, perché richiedono la conoscenza precisa dei due esponenti di Townsend.

Ionizzazione dei gas – Wikipedia

In generale in diversi di questi casi la colonna positiva è anche stratificatacioè costituita da una successione di strati luminosi o oscuri. Content in this page is licensed under a Creative Commons License.

nei gas rarefatti

Le correnti più basse punto A della curva caratteristica sono dell’ordine del p A o anche meno, e raarefatti sotto forma di impulsi casuali “burst” di corrente, dovuti a sorgenti esterne, come radioattività naturale e raggi cosmici. Esso rappresenta il numero di elettroni prodotti per unità di lunghezza del tubo di scarica. Ma non possiamo far a meno di mettere in luce certi caratteri generaliche si ritrovano in tutti i casie che hanno, come vedremouna grande importanza.